Immigrant Sisterhood

happy-women-girls-standing-together-260nw-1181472052.jpg

Italian version

About

Immigrant Sisterhood is an ethnographic-participatory research project where young female refugees want to show different aspects of their life. The used method called Photovoice combines photography, focus groups and social action. By means of photography, Photovoice seeks to enable marginalized groups and their individuals to record and reflect on community strengths and challenges.

The girls were included in the whole research process: They developed their own research question, made pictures about a topic of concern, told stories about their pictures and their lives and showed them to public with the hope to create awareness about their specific situation. The project is still in progress. More pictures and stories will be uploaded soon….

                     © Gemma Lynch

Female refugees belong to a marginalised group of the population whose perspectives and voices are rarely included in the public discourse. The dominant visual representations of female refugees in media depict them as helpless victims or sexualized objects. These images contribute to harmful gender stereotypes that often trivialize violence against women and disregards women’s agency, voice, and their resources as survivors, protectors and providers. With this PhotoVoice project the research team wants to focus on the strengths and challenges of female refugees and show the voice of the most marginalized.

The Artists

DSC01726.jpeg

We are a group of black girls living in Italy on the Sardinian Island. We are waiting and hoping for our documents and freedom. For the moment we are living in a camp. With our pictures we want to show our lives, our strengths and our difficulties. We are human beings and we want to be treated like that. We want to show that together we are strong because we are more than friends. We are an Immigrant Sisterhood!

Online Exhibition

img050

When I am walking on the street, old italian men think that all black girls are just prostitutes. They always say „Andiamo, andiamo“ or „Quanta costa“. They should stop to see all black girls like this, because not all black girls are like this. We have our own story, our own experiences. I want to say that we are all human beings and we don’t want to be seen only as sex objects.

Bildschirmfoto 2020-11-27 um 20.53.11

This is the holy virgin Mary. She is the mother of us all. I ask the Mother Mary for help to speak with her Son. She helps me to put my life on the right path. She speaks for us. Every morning in the reception center I pray. This is my happiness.

img017

I am no longer in a center. I am in another Italian city. I am working there. At least for some time I have something to do.

img039

Just because I am black and wear shorts it doesn‘t mean that I am a prostitute. Prostitutes come to you, you don’t have to come to the girls. If the girl is not coming to you it means she is not a prostitute.

Bildschirmfoto 2020-11-24 um 16.02.25

I am an immigrant. I am in Italy. I see a bright future. Altough I love my country, my country is very insecure. Italy have saved me. But I have a little problem. The white people they take us for fools. They take us as nobody but we are somebody. Everybody is somebody. We have to join together and save the world. White and black together. It doesn’t make a difference. We all are human beings.

img016

My experience in this reception center is better than where I was before. But I had to leave the reception center. I could not stay there and do nothing. I have the need to do something. I want to make a contribution to society.

Bildschirmfoto 2020-11-24 um 15.52.42

Before I came to Italy they told me it is the land of milk of honey, but I can’t find the milk, I can’t find the honey. In my future I want to become an artist. I want to help people. I want to live a normal life, like the rest of the people.

Bildschirmfoto 2020-11-24 um 15.52.08

When I walk on the street I feel angry, because they often stop me and ask me stupid questions. Like “would you like to come with me?”. Just because I am walking on the street it doesn’t mean that my body is for sell. I just want to beg them to stop this nonsense.

Bildschirmfoto 2020-11-24 um 15.49.41

Living in the reception center is not easy. You are forced to live with strangers. Different behavior, different characters. I have never experienced anything like this before in my life. It was very difficult to deal with this situation.

img020

The only thing you can do in the reception center is wait for time to pass. You just wait for your papers. It just didn’t make sense to stay there. I just wanted to keep going and have something to do.

IMG_20190423_183703.jpg

My name is Polly. I am an immigrant and I live here in Italy. Irrespective of the fact that I am doing well, it doesn’t really mean I am perfectly ok. Sometimes I keep wondering why we are treated differently. In the sense that white people treat us as prostitutes. Is this really true? Hell, no. Despite the fact that I am refugee but truth must be told cause I stand for the truth. I know that there are many black girls who prostitute themselves to earn a living here in Italy. But we are not all the same. Some of us have a bright future. There is this saying „don’t judge a book by it’s cover“. What I am trying to say is that we should not be classified as one just because some are out there who prostitute those not really mean or are the same like there earlier say the bad ones we not let them know the good ones (sic!). Thank you!

EXHIBITIONS IN ITALY

For over a year the whole project was exposed in different places in Italy. Find here some impressions…

They talk about us

Opening Announcement: 

Bildschirmfoto 2020-06-22 um 15.36.55Bildschirmfoto 2020-06-22 um 15.38.37

Vernissage

Newspaper & Magazines:

crushsite

la voce di bolzano

Alto Adige

Rai News

Bildschirmfoto 2020-06-22 um 17.49.51
Informationsblatt der Caritas 11/2019

Interviews

„Immigrant Sisterhood“ (ichfrau.com)

Wie ergeht es Frauen auf der Flucht? Welche Erfahrungen machen sie, welche Bedürfnisse haben sie und wie möchten sie davon erzählen? Ansichten und Stimmen von Frauen mit Fluchtbiografien bleiben oft unsichtbar. Das Projekt PhotoVoice möchte das ändern und zeigt Perspektiven von geflüchteten Frauen, die verschiedene Aspekte ihres Lebens in Erstaufnahmezentren zeigen wollen…..

Das ganze Interview ist hier zu lesen

_____

“Immigrant Sisterhood: sorellanza, una forza oltre i confini“ (stampagiovanile.com)

La mostra fotografica “Immigrant Sisterhood” fa parte di un progetto di ricerca etnografico-partecipativo in cui ragazze richiedenti asilo hanno voluto mostrare vari aspetti della loro vita nei centri di accoglienza. Con il metodo Photovoice, che permette di comunicare attraverso la fotografia, le ragazze hanno potuto documentare la complessità che stanno vivendo, ma anche i loro punti di forza e le sfide all’interno della comunità. La sorellanza che si è creata tra tutte queste giovani donne rappresenta un legame fortissimo che le unisce e che le sta aiutando ad affrontare ogni giornata….

Clicca qui per leggere tutta l’intervista (italiano)

Immigrant Sisterhood

happy-women-girls-standing-together-260nw-1181472052.jpg

 

English version

About

Immigrant Sisterhood è un progetto di ricerca etnografico-partecipativo in cui le ragazze migranti vogliono mostrare diversi aspetti della loro vita. Il metodo usato chiamato Photovoice combina fotografia, gruppi di discussione e azione sociale. Attraverso la fotografia, Photovoice cerca di permettere ai gruppi emarginati e ai loro individui di documentare e riflettere sui punti di forza e sulle sfide della comunità.

Le ragazze sono state incluse nell’intero processo di ricerca: hanno sviluppato le loro domande di ricerca, realizzato immagini su un argomento di interesse, raccontato storie sulle loro immagini e sulle loro vite e vogliono mostrarle al pubblico con la speranza di creare consapevolezza sulla loro situazione specifica.

 

             © Gemma Lynch

Le donne rifugiate appartengono ad un gruppo emarginato della popolazione le cui prospettive e le cui voci sono raramente incluse nel discorso pubblico. Le rappresentazioni visive dominanti delle rifugiate nei media le ritraggono come vittime indifese o oggetti sessualizzati. Queste immagini contribuiscono a pregiudizievoli stereotipi di genere che spesso banalizzano la violenza contro le donne e trascurano la voce e le loro risorse come sopravvissute. Con questo progetto PhotoVoice il team di ricerca vuole concentrarsi sui punti di forza e sulle sfide delle donne rifugiate e dare voce alle persone più emarginate.

 

Le Artiste

DSC01726.jpeg

 

Siamo un gruppo di ragazze africane e abitiamo in Sardegna. Stiamo aspettando e sperando per i nostri documenti e la libertà. Per il momento stiamo vivendo in un campo. Con le nostre foto vogliamo mostrare la nostra vita, le nostre forze e le nostre difficoltà. Siamo esseri umani e vogliamo essere trattati così. Vogliamo dimostrare che insieme siamo forti perché siamo più che amiche.

Siamo una sorellanza di immigrate!

 

Mostra Digitale

 

img050

Quando cammino per strada, i vecchi italiani pensano che tutte le ragazze nere siano solo prostitute. Dicono sempre “Andiamo, andiamo“ o “Quanto costa“. Dovrebbero smettere di vedere tutte le ragazze nere in questo modo, perché non tutte le ragazze nere sono così. Abbiamo la nostra storia, le nostre esperienze. Voglio dire che siamo tutti esseri umani e non vogliamo essere visti solo come oggetti sessuali.

Bildschirmfoto 2020-11-27 um 20.53.11

Questa è la Beata Vergine Maria. Lei è la Madre di tutti noi. Chiedo aiuto alla Madre Maria per parlare con suo figlio. Mi aiuta a mettere la mia vita sulla strada giusta. Parla per noi. Ogni mattina nel centro di accoglienza prego. Questa è la mia felicità.

img017

Non sono più in un campo. Sono in un’altra città italiana. Lavoro lì. Almeno per un po‘ di tempo ho qualcosa da fare.

img039

Solo perché sono nera e indosso pantaloncini non significa che sono una prostituta. Le prostitute vengono da te, non devi venire dalle ragazze. Se la ragazza non viene da te significa che non è una prostituta.

Bildschirmfoto 2020-11-24 um 16.02.25
Sono un’immigrante. Sono in Italia. Vedo un futuro migliore. Anche se amo il mio paese, il mio paese è molto insicuro. L’Italia mi ha salvato. Ma ho un piccolo problema. I bianchi ci prendono per degli stupidi. Ci prendono come nessuno, ma noi siamo qualcuno. Tutti sono qualcuno. Dobbiamo unirci e salvare il mondo. Bianco e nero insieme. Non fa alcuna differenza. Siamo tutti esseri umani.

img016

La mia esperienza in questo campo è meglio, non come nell’altro campo. Ma ho dovuto lasciare il campo. Non potevo stare lì a non fare niente. Ho bisogno di fare qualcosa. Ho bisogno di dare un contributo alla società.

Bildschirmfoto 2020-11-24 um 15.52.42

Prima di venire in Italia mi hanno detto che è il pase dove scorre latte e miele, ma non riesco a trovare il latte, non riesco a trovare il miele. Nel mio futuro voglio diventare un’artista. Voglio aiutare le persone. Voglio vivere una vita normale, come il resto della gente.

Bildschirmfoto 2020-11-24 um 15.52.08

Quando cammino per strada sono arrabbiata, perché spesso mi fermano e mi fanno domande stupide. Come “vorresti venire con me?“. Solo perché sto camminando per strada non significa che sto vendendo il mio corpo. Voglio semplicemente pregarli di smettere con queste sciocchezze.

Bildschirmfoto 2020-11-24 um 15.49.41

Vivere in un centro di accoglienza non è facile. Sei costretto a vivere con degli sconosciuti. Comportamenti diversi, personaggi diversi. Non ho mai vissuto una cosa del genere in vita mia. E‘ stato molto difficile affrontare questa situazione.

img020

L’unica cosa che si può fare nel centro di accoglienza è aspettare che il tempo passi. Aspettare solo i tuoi documenti. Non aveva senso rimanerci. Volevo solo continuare ad andare avanti e avere qualcosa da fare.

IMG_20190423_183703.jpg

Mi chiamo Adesuwa. Sono un’immigrata e vivo qui in Italia. A prescindere dal fatto che sto bene, non significa che sto perfettamente tranquilla. A volte mi chiedo perché siamo trattati in modo diverso. Nel senso che i bianchi ci trattano come prostitute. È veramente vero? Diavolo, no. Nonostante il fatto che sono una rifugiata, ma la verità deve essere detta perché io difendo la verità. So che ci sono molte ragazze di colore che si prostituiscono per guadagnarsi da vivere qui in Italia. Ma non siamo tutti uguali. Alcuni di noi hanno un futuro luminoso. C’è questo detto “non giudicare un libro dalla copertina“. Quello che sto cercando di dire è che non dovremmo essere classificati come uno solo perché alcuni sono là fuori che prostituiscono quelli che non sono veramente meschini o sono gli stessi come prima dicono i cattivi che non gli facciamo conoscere quelli buoni (sic!). Grazie!

 

EXHIBITIONS IN ITALY

For over a year the whole project was exposed in different places in Italy. Find here some impressions…

They talk about us

Opening Announcement: 

Bildschirmfoto 2020-06-22 um 15.36.55Bildschirmfoto 2020-06-22 um 15.38.37

Vernissage

Newspaper & Magazines:

crushsite

la voce di bolzano

Alto Adige

Rai News

Bildschirmfoto 2020-06-22 um 17.49.51
Informationsblatt der Caritas 11/2019

Interviews

„Immigrant Sisterhood“ (ichfrau.com)

Wie ergeht es Frauen auf der Flucht? Welche Erfahrungen machen sie, welche Bedürfnisse haben sie und wie möchten sie davon erzählen? Ansichten und Stimmen von Frauen mit Fluchtbiografien bleiben oft unsichtbar. Das Projekt PhotoVoice möchte das ändern und zeigt Perspektiven von geflüchteten Frauen, die verschiedene Aspekte ihres Lebens in Erstaufnahmezentren zeigen wollen…..

Das ganze Interview ist hier zu lesen

_____

“Immigrant Sisterhood: sorellanza, una forza oltre i confini“ (stampagiovanile.com)

La mostra fotografica “Immigrant Sisterhood” fa parte di un progetto di ricerca etnografico-partecipativo in cui ragazze richiedenti asilo hanno voluto mostrare vari aspetti della loro vita nei centri di accoglienza. Con il metodo Photovoice, che permette di comunicare attraverso la fotografia, le ragazze hanno potuto documentare la complessità che stanno vivendo, ma anche i loro punti di forza e le sfide all’interno della comunità. La sorellanza che si è creata tra tutte queste giovani donne rappresenta un legame fortissimo che le unisce e che le sta aiutando ad affrontare ogni giornata….

Clicca qui per leggere tutta l’intervista (italiano)

Foto Anima : Sfumature di una bellezza interiore – un progetto PhotoVoice

Il progetto

Da gennaio a maggio di quest’anno in Sardegna un gruppo di donne che frequenta ARTES, Spazio Polivalente di Ascolto e Creatività del Comune di Cagliari gestito dalla Cooperativa Panta Rei Sardegna, ha sperimentato il Photovoice.
Attraverso il metodo PhotoVoice in combinazione con esercizi della mindfulness il gruppo ha lavorato sulle proprie risorse, esplorando spazi interiori e esteriori, durante il percorso sono emerse diverse sfumature della loro identità espresse dalle partecipanti attraverso foto e narrazioni.

Le artiste

Siamo un gruppo di donne e vogliamo esprimere attraverso la fotografia le varie sfumature della interiorità dell’anima femminile.

Siamo tutte diverse ma ci accomuna  la fotografia tramite quale ci vogliamo liberare dei pregiudizi,  trasmettendo quello che sono le nostre potenzialità e risorse. 

Il PhotoVoice ci ha permesso di esprimere le nostre emozioni, di unirci e di raccontare la nostra identità per aprire un dialogo con il mondo esterno.

Le opere

La luce del sole trasmette vitalità, mentre il contrasto con la luna è la nostra interiorità. (Silvia Maggie)

Le nuvole sono soffici come il corpo di una donna, la prospettiva è che non emanano luce divina. (Silvia Maggie)

Le onde del mare sono come l’infinito della donna, certe volte c’è la tempesta di emozioni, e a volte è calmo come il carattere di una giornata primaverile. (Silvia Maggie)

Linea in ombra 

Attraverso la fotografia, in uno scatto racchiudo e esprimo tutto cioè che ho dentro. Comunico uno stato, un percorso, un emozione, una luce nel mio camino variabile tra luce e ombre. (Monalisa Ly)

In questo mosaico vi è la maternità che non si acquisisce soltanto partorendo figli ma anche giorno dopo giorno prendendosi le responsabilità materne e/o di adozione “de su filu e anima”. (Lisa 64)

L’incanto della natura: Perché margherita non lo sa di” La canzone di Dory Ghezzi (moglie di Fabrizio di De Andrè)(Lisa 64)

Il nespolo con i suoi tempi e le sue modalità di nascere, crescere, fiorire e fruttificare e morire. (Lisa 64)

Le radici della mia vita hanno una profondità infinita. (Ste Lunas)

 

Mentre passeggiavo con i miei tesori questi fiori mi hanno abbagliato con i loro mille colori. (Ste Lunas)

La bellezza del creato è una cosa pura e esprime l’immensità della natura. (Ste Lunas)

Le facilitatrici

Sabine Tiefenthaler

Ricercatrice presso alla Libera Università di Bolzano (Facoltà Scienze della formazione).

Ha svolto diversi progetto PhotoVoice di cui uno in collaborazione con Canon.

Master in counselling sistemico presso al centro Panta Rei Sardegna a Cagliari.

Autrice di pubblicazioni e presentazioni a convegni ad un livello internazionale,

è membro del network CARN (Collaborative Action Research Network). Ha fondato

l`associazione „Die Spinnerei – centro psicosociale per ragazze e giovani donne“

a Vienna (Austria), ente sociale no profit.

Simona Muratori

Simona Muratori è socia della cooperativa pantarei sardegna, psicologa della salute

e psicoterapeuta da anni utilizza la fotografia e il collage come mezzo

di conoscenza e sviluppo personale.

http://www.pantareisardegna.it

Gemma Lynch

Originaria del Regno unito ma con base in Italia dal 2007. Lavora come fotografa e

produttrice creativa per l’industria audiovisiva. Ha partecipato a numerosi convegni e

film festival internazionali, ha realizzato diversi progetti fotografici e documentari sui

temi di interculturalità e esperienze da expat. Frequenta il Master in Visual Arts and

Media Anthropology alla HMWK Università di Berlino. Attualmente è capo dell’ufficio

produzione della Sardegna Film Commission.

http://www.gemmalynch.com

What Did All The Sisters Do?

The International Youth Initiative Sisterality draws to a close. Check out the activities of our sisters in Austria, Croatia and Italy!

Thanks to:
Mumushi
Sisterality Italia
Radno i ravnopravno

No changes are possible
overnight. Constant education
and work of all actors on the
problem are necessary to
achieve change. Therefore, our
work continues…🙅‍♀️🙅‍♀️

PDF:

Sisterality-International-network-of-girls-and-young-women

Sisterality-International-network-of-girls-and-young-women

Sisterality – International network of young women

Die internationale Jugendinitiative Sisterality – eine Wortkreation aus Sister und Solidarity – hat das Ziel ein europäisches Netzwerk zur Förderung von Frauenkarrieren zu schaffen und eine Kampagne zur Sensibilisierung von gender-inequality am Arbeitsmarkt zu starten. Junge Frauen, welche von Benachteiligung und prekären Arbeitsverhältnissen betroffen sind, werden Workshops zu relevanten Themen besuchen, auf regionaler Ebene Aktivitäten planen und an internationalen Vernetzungstreffen teilnehmen.

Wir freuen uns auf die Zusammenarbeit mit unseren Partnern PaRiter (Kroatien) und TDM2000 (Italien).

Neuigkeiten gibts bald hier zu lesen…..

__________________________________________

The project name Sisterality is a mix between Sister and Solidarity and leads already to the purpose of the youth initiative. With this project we want to create an international network of girls and young women  to encourage for labour mobility and to create awareness about the topic “gender-inequality on the labour market” through a campaign. We define the international network of girls and young women as a possibility of exchange of competences and resources to promote women-careers in an international context and create awareness about genderinequality on the labour market. Young women will participate at workshops to relevant topics, they will plan activities on a national level and will be part of international networking meetings.

We are looking forward to work with our partners PaRiter (Croatia) and TDM2000 (Italy).

More to come…..

Photovoice_Vernissage / Ausstellung

PHOTOVOICE / Photography is just another way of keeping a diary

Vernissage 26.04.2017, 18 Uhr – 22 Uhr

Exhibition: 27.04 – 11.05.2017 ( 9 Uhr – 16 Uhr)

im Packhaus, Marxergasse 24, 1030 Wien

Im Rahmen eines Photovoice-Projekts, organisiert vom Verein „Die Spinnerei“, setzen sich sieben junge Frauen mit Fluchterfahrungen mit dem Thema Fotografie auseinander. Das Projekt hat das Ziel, die Handlungsräume der Teilnehmerinnen zu erweitern, um damit einen Beitrag zum Empowerment leisten zu können.

Unter dem Motto „Wien, meine neue Stadt – ein Fototagebuch“ hielten die Ausstellerinnen für sie wichtige Motive und Themen mit der Kamera fest.
Die dabei entstandenen Bilder dienen als Sprachrohr für soziale, politische und gesellschaftliche Anliegen und bieten Einblicke in die Lebenswelten der jungen Frauen.

Die Künstlerinnen sind zwischen 14 – 18 Jahre alt und Bewohnerinnen eines Wohnhauses des Arbeiter-Samariter-Bund Österreichs.

Eintritt ist kostenfrei! Für Buffet und Getränke bei der Vernissage ist gesorgt…

Music: Die Künstlerinnen sind die djanes!

Die Digitalkameras sowie die Rahmungen der Fotos für die Ausstellung stellte Canon Austria zur Verfügung. Förderungen gab es von der Magistratsabteilung 57 (Frauenabteilung der Stadt Wien) und der Hil-Foundation.

 

008PhotovoiceWS1-WEB-Übergabe-2498

_________________________________________________________________
PHOTOVOICE / Photography is just another way of keeping a diary

Vernissage 26.04.2017, 06.00 pm

Exhibition: 27.04 – 11.05.2017 (09:00 – 16:00)

Where: Packhaus, Marxergasse 24, 1030 Vienna

In our Photovoice-Project „Vienna, my new city“ seven female refugees between 14 -18 years had the possiblity to learn more about photography. The young photographers had professional cameras (donated by Canon Austria), learned how to edit pictures and have organised an exhibition.

The pictures are giving them a voice for social and political matters and offered them an opportunity to give an insight in their daily lifes and their needs in their new hometown.

The young artists are between 14-18 years old and are living in community of the Arbeiter-Samariter-Bund Österreich.

Free Entry!

Music: the participants of the project will be the djanes

Thanks to MA57 and Hil-foundation for their financial support.